Scontro tra treni in Puglia. 27 morti, 50 feriti. Errore umano o tecnologia arretrata ?

L’inchiesta sulla tragedia della linea Andria-Corato deve fare subito i conti con l’errore umano e la dotazione di comunicazione vecchia.

I due treni che si sono scontrati questa mattina, un Etr.300 e un Elt 200, appartengono alla Ferrotramviaria Spa – Ferrovie del Nord Barese e stavano percorrendo in senso opposto la linea a binario unico fra Andria e Corato.

incidente treni puglia
L’impatto è avvenuto in un tratto dove la velocità massima è di 100 km all’ora.

In questa parte della linea la gestione del traffico sarebbe, secondo le informazioni diffuse dai media e dalle agenzie, effettuata con il cosiddetto blocco telefonico. In sostanza, c’è una comunicazione fra i capistazione e i macchinista dei due treni per accordarsi su quale treno debba passare sul tratto a binario unico. È evidente che è avvenuto un errore nella comunicazione o nell’interpretazione della comunicazione: uno dei due treni è passato senza avere l’autorizzazione.

Le statistiche parlano fin troppo chiaro, e ci auguriamo che i numeri non salgano : 27 morti, 50 feriti. Ciò che non è chiaro è come sia potuto succedere un fatto simile, un incidente qualcuno lo chiama, strage è il nome corretto con cui deve essere chiamato l’evento vergognoso di ieri.

Italia, 2016 paese facente parte del G8, reduce dall’EXPO costato 2,2 miliardi di euro di cui miliardo e 200 milioni sovvenzionato da contributi pubblici, un paese che dovrebbe essere sui giornali di tutto il mondo per la moda, il food, lo stile che ci contraddistingue e ripetutamente finiamo in prima serata a livello mondiale per tragedie e fatti del genere che potevano essere evitate.

scontro_treni_001-1000x600

I soliti servi del potere parlando di incidente umano, come a voler minimizzare la cosa, “sbagliare è umano sa, non sarebbe dovuto succedere ma è successo“, una giustificazione che come un colpo di spugna tende a cancellare la perplessità di fronte ad un evento simile, nonchè addossare tutte le responsabilità a poveri cristi come capostazione e macchinisti che essendo appunto umani per definizione sbagliano, e dato che sono anche morti nell’incidente hanno pagato a caro prezzo il loro errore.

Italia 2016, dicevamo. Un evento del genere sarebbe stato tollerabile ai primi del 900, potrebbe essere stato “digerito” come normalità in un paese come il pakistan, o qualche paese del terzo mondo in cui la vita vale poco e tutto ciò che è atto a preservare e salvaguardare le vite umane viene meno per senso logico, per abitudine, normalità appunto.

Continua …

Commenti

commenti BUZZurri !