Può un PRETE, un uomo di DIO, volere la MORTE di una PERSONA?

Parole sconvolgenti quelle pronunciate da Don Giorgio De Capitani

Papa Francesco, Salvini, Grillo, Donald Trump: sono questi i destinatari di questa invettiva di Don Giorgio De Capitani scritta sul proprio sito.
Un po’ sopra le righe le parole usate per i primi tre ma nulla a che vedere con quelle che il prelato ha indirizzato al neopresidente americano.
Non manca anche un riferimento al referendum costituzionale di Dicembre dove il prete apostrofa come bastardi chi vuole bloccare la riforma della Carta Costituzionale.
Qui riporto la sua invettiva senza alcun taglio vista la gravità delle affermazioni da lui fatte.

Il papato di Bergoglio sarà ricordato come uno dei momenti più difficili e più bui della storia degli ultimi tempi: terrorismo, barbarismo, razzismo, bestialità, oltre quei terremoti su cui vengono scaricate le maledizioni di Dio: casomai i fulmini e le maledizioni (ma Dio dov’è?) dovrebbero scaricarsi sull’ imbarbarimento e l’irrazionalità delle cosiddette nazioni civili, così cadute in basso da stravincere sul Medioevo più buio, che poi così buio non è stato.

Prima bastardi gli inglesi, ora bastardi gli americani: toccherà agli italiani di essere bastardi bloccando la Riforma costituzionale? Vedremo! Aspettiamoci di tutto.

Dicono che c’è sempre un fondo oltre ogni fondo, ovvero: quando si tocca il fondo, c’è sempre la possibilità di scavare ancora e di andare anche al di sotto dell’inferno.

Si credeva che con il razionalismo, l’illuminismo e il progresso dei diritti civili il mondo si dirigesse finalmente verso la nuova Umanità. Si credeva! Che illusioni!

Che cosa è mancato, e tuttora manca, perché l’uomo impari ad essere Uomo?

Manca tutto o, meglio, manca la parte migliore, che non è stare fuori o appena dentro l’essere umano. L’uomo, da sempre, è stato quel bastardo “alieno” che ha preteso di costruire sulla nullità. Certo, nobili tentativi di uscire dalla alienazione generale ci sono stati, ma pochi in realtà e da parte di persone sempre bastionate o mandate al rogo.

Qui, la Chiesa deve fare un serio esame di coscienza, perché in parte è responsabile della barbarie di oggi. E questo papa ne è una conferma! Sì, perché continuare a restare fuori della realtà del proprio essere interiore, proponendo la solita alternativa di una religione dell’esteriorità fumosa, ha fatto e fa ancora sì che non usciremo dal circolo vizioso. È fallimentare insistere sulla religiosità alienante l’essere Umano!

Ci vuole il coraggio di riprendere in mano mente e cuore perché l’uomo bestiale riprenda la ragione, ma non basta: la ragione vera è quella voce profonda, così profonda che nessuno potrà mai annullarla, ma che purtroppo resta coperta da quella alienazione totale che ha sempre prevalso sulla parte migliore dell’essere umano.

Non è che mi faccia paura Salvini, un nanerottolo in confronto a Trump, che del resto lo ha anche sconfessato pubblicamente. Salvini è un buono a nulla, un rottame che intende traghettare una mandria di porci verso l’altra sponda, ovvero quella dell’inferno. Ci andranno, e chissenefrega?  È stata una loro scelta.

Che dire di Beppe Grillo? Un altro idiota, spara cazzate, un furbo che si è fatto miliardi sulla pelle dei coglioni grillini.

Ma Trump è un’altra cosa: è un gran bastardo che è uscito dal nulla o meglio da un mondo fatto di soldi e di puttane. Che dire?

Noi italiani dovremmo anche tacere, visto che per anni e anni un altro bastardo, un porco, un ladro, un farabutto ha preso per il culo milioni di italiani, ma non ha fatto tutto da solo: è stato sorretto da altri bastardi e farabutti, ovvero dai ciellini e dai leghisti. Perché dimenticarlo? In fondo, Salvini è coerente: politicamente ha fatto parte di quella mandria di porci e farabutti, guidati dal Porco per eccellenza.

Ho sempre sostenuto e tuttora sostengo che i criminali vanno uccisi fisicamente, oltre che politicamente. Hitler andava ucciso prima che combinasse ciò che ha combinato, per Berlusconi doveva intervenire direttamente il Padre Eterno e renderlo disteso su un letto, roso dai vermi fino alla morte, per Salvini e Grillo basterebbe  una pedata nel culo e buttarli nel mare, dove ci sono i pescecani.

Per Trump non ci sarebbe nessuno disposto a farlo fuori fisicamente? Chi? Non dimentichiamo che gli americani hanno sempre ucciso i giusti, e non i criminali.

Che l’Europa sia compatta in questo momento, e isoli l’America, facendola morire di fame.

Ma l’America è troppo ricca, arricchita con il sangue di nazioni che essa ha munto, distrutto o calpestato.

Guarda anche:

Direttore di Radio Maria: «Il sisma è un castigo divino!»

Commenti

commenti BUZZurri !