Herbalife nei guai. Rischia di chiudere i battenti oltre al risarcimento di 200 milioni.

Herbalife dovrà risarcire i consumatori e porre fine alle ricompense per il reclutamento delle persone.

Un patteggiamento per 200 milioni di dollari non farà chiudere i battenti ad Herbalife, come invece l’hedge fund manager William A. Ackman avrebbe voluto da tempo.

Herbalife Ltd. signage is displayed outside of the company's corporate headquarters in Torrance, California, U.S., on Thursday, Jan. 10, 2013. Daniel Loeb is squaring off against Bill Ackman over the future of Herbalife Ltd. By taking an 8.2 percent stake in the direct seller of nutrition shakes, Loeb?s Third Point LLC is the latest firm to reject hedge fund manager Ackman?s theory that Herbalife is a pyramid scheme. Photographer: Patrick Fallon/Bloomberg via Getty Images
Herbalife Ltd. 

Per questo il titolo del produttore di integratori alimentari per la perdita di peso vola a Wall Street (+16%). Un altro motivo lo spinge al rialzo: Carl Icahn, rivale di lunga data di Ackman, potrà aumentare la sua partecipazione in Herbalife al 35% dal limite attuale del 25%. L’intesa siglata dal gruppo e dalla Federal Trade Commission – l’agenzia federale preposta alla protezione dei consumatori – implica pero’ lo stop di pratiche distributive controverse. “Il patteggiamento chiede ad Herbalife di ristrutturare in modo pesante le sue attivita’ in modo tale che i rivenditori siano ricompensati per quello che vendono e non per il numero delle persone che reclutano” affinchè diventino anche loro distributori dei prodotti dell’azienda. La cifra che Herbalife dovrà versare non sorprende gli analisti: era già stata indicata in passato dal gruppo, anticipando un accordo con le autorità.

Commenti

commenti BUZZurri !